Cigd aziende plurilocalizzate, possibile inviare una domanda cumulativa per Unità Produttive omogenee

Considerata la difficoltà tecnica di presentare singoli flussi per ciascuna UP censita dall’Inps, con evidenti riflessi negativi sui tempi di erogazione della prestazione, l’Inps rende nota la possibilità, per le aziende con molteplici unità produttive, di presentare un’unica domanda su un’unità produttiva di riferimento, facendovi confluire le altre unità produttive omogenee per matricola aziendale, collocazione territoriale, periodo di sospensione concesso, attività produttiva svolta e articolazione dei giorni di sospensione dei beneficiari (Inps, messaggio 04 giugno 2020, n. 2328)

Come noto, relativamente ai trattamenti di Cig in deroga per unità produttive site in 5 o più Regioni o Province autonome in ipotesi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza epidemiologica da COVID-19, a seguito dell’avvenuta emanazione del decreto ministeriale di concessione della prestazione di Cigd, l’azienda è tenuta ad inviare la domanda di integrazione salariale, modello IG_15_deroga” (cod. “SR100”), all’Inps sulla piattaforma “CIGWEB”, con il sistema del “ticket”. La domanda va trasmessa in relazione alle singole unità produttive censite dall’Inps, anche qualora il decreto concessorio abbia autorizzato unità operative (Inps, circolare n. 58/2020).
Tale flusso di gestione è così delineato al fine di consentire il monitoraggio del rispetto del limite massimo del periodo di sospensione concedibile di cassa integrazione in deroga, pari a 9 o 13 settimane, il cui conteggio viene effettuato per singola unità produttiva dell’azienda.
Tanto premesso, diverse aziende con un elevato numero di unità produttive, dislocate sull’intero territorio nazionale e oggetto di sospensione, hanno evidenziato difficoltà tecniche derivanti dal rispetto delle predette modalità di presentazione delle domande per ogni singola unità produttiva, tali da incidere negativamente sui tempi effettivi di erogazione della prestazione.
Pertanto, acquisito il parere positivo del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, è stato predisposto per esse un diverso flusso di gestione di invio delle domande all’Inps, che consente alle aziende che hanno molteplici unità produttive, la presentazione di un numero minore di domande, unificandole in unità produttive omogenee per attività svolta e per collocazione territoriale. Preliminarmente all’inoltro delle domande, l’azienda deve tuttavia comunicare all’Istituto, inviando una PEC all’indirizzo dc.ammortizzatorisociali@postacert.inps.gov.it, che in relazione al decreto di concessione adottato dal Ministero, intende presentare una domanda semplificata in presenza di una pluralità di unità produttive. La PEC dovrà contenere le seguenti informazioni:
– numero decreto ministeriale;
– settimane concesse;
– Unità produttiva accorpante;
– elenco Unità produttive accorpate.
Dunque, dovranno essere espressamente indicate dall’azienda stessa le unità produttive su cui chiede di presentare domanda, unità produttive che possono ricomprendere unità produttive omogenee per matricola aziendale, collocazione territoriale, periodo di sospensione concesso, attività produttiva svolta e articolazione dei giorni di sospensione dei beneficiari. A titolo esemplificativo, l’azienda potrà dichiarare un’unità produttiva individuata per la gestione delle domande delle unità produttive ubicate nelle Regioni del Nord che hanno diritto alle 13 settimane, ed un’altra o più per la gestione delle unità produttive ubicate nelle altre Regioni per cui il decreto ministeriale ha concesso 9 settimane di sospensione.
La scelta dell’unità produttiva di riferimento su cui far confluire le domande accorpate, è considerata irreversibile e, come tale, dovrà essere utilizzata anche in caso di eventuale richiesta di proroga del trattamento di Cig in deroga con causale COVID-19, sempre al fine di consentire il monitoraggio da parte dell’Inps della prestazione concessa.
In ogni caso, tale flusso semplificato attiene esclusivamente le prestazioni di cassa integrazione in deroga connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e, di conseguenza, nulla è innovato per quanto riguarda la disciplina degli altri ammortizzatori sociali e per i quali dovranno essere utilizzate le modalità ordinarie di presentazione della domanda all’Inps.